logo

Temperatura percepita

Quando si valuta il clima di un territorio, magari per capire quale è il periodo migliore per andare in vacanza, non va tenuta in considerazione solamente la temperatura ma anche (e forse soprattutto) la temperatura percepita.

Avete mai avuto la sensazione, magari in estate con 30 °C, di stare piacevolmente rilassati e freschi in spiaggia ed invece di avere una sensazione di caldo insopportabile ed opprimente in un altro luogo sempre a 30 °C? Bene, avete sperimentato due diverse temperature percepite.

Il corpo umano attraverso un meccanismo chiamato termoregolazione tenta di far rimanere, per quanto possibile, la temperatura interna a circa 37 °C. La termoregolazione avviene intervenendo sulla traspirazione. Quando la temperatura del corpo deve essere ridotta (ad esempio quando fuori fa caldo o quando si è soggetti ad un intenso sforzo fisico) il corpo emette vapore acqueo (sudore) che porta con se parte del calore. Quando la temperatura deve essere innalzata (per esempio quando fuori fa freddo), il corpo riduce il più possibile la traspirazione.

Ora esistono diversi  fattori in grado di influire sulla termoregolazione:

  • la temperatura: Maggiore è la temperatura più il sistema di regolazione avrà bisogno di lavorare per perdere calore
  • l’umidità: un alto tasso di umidità rende più difficile la traspirazione e quindi l’abbassamento del calore corporeo
  • Il vento: tanto più forte è il vento quanto più sarà semplice per il corpo perdere calore. Ma allo stesso tempo sarà difficile ridurre la perdita di calore.
Anemoscopio. viene utilizzato per calcolare la presenza e la direzione del vento

Anemoscopio. viene utilizzato per calcolare la presenza e la direzione del vento

Da quanto detto risulta che a pari temperatura la sensazione di calore percepita può essere molto diversa. L’umidità la fa aumentare ed il vento diminuire.

Nel tempo sono stati definiti diversi indici per calcolare la temperatura percepita in base a temperatura, umidità e velocità del vento. Tanto per citarne alcuni l’Heat Index, l’Apparent Temperature, il Disconfort Index. Non vale la pena, in questa sede, entrare nei dettagli; tuttavia di seguito troverete due tabelle che vi daranno un’idea della temperatura percepita in base ad umidità e vento.

 

Umidità

  80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10%
Temperatura (°C)

Temperatura percepita (°C)

28 33 32 30 29 28 27 26 25
30 38 36 34 32 30 29 28 27
32 43 40 38 35 33 32 30 29
34 51 47 43 39 37 34 32 31
36 59 53 48 43 40 37 35 33
38 68 61 55 49 45 40 37 35
40 79 70 62 55 47 43 40 37

Dalla tabella si può facilmente osservare come, ad esempio, già a 28 C° in presenza di una umidità del 80% la temperatura percepita sale di ben 5 C°. E’ interessante però osservare che con lo stesso tasso di umidità e con una temperatura di 23 °C la temperatura percepita sia in effetti di ben 43 °C.

Vento m/s

Temperatura °C

8

6

4

2

0

-2

-4

-6

-8

-10

-12

2

7

5

3

1

-1

-3

-5

-7

-9

-11

-13

4

3

1

-2

-4

-7

-9

-11

-14

-16

-19

-21

6

0

-2

-5

-8

-10

-13

-16

-18

-21

-23

-26

8

-2

-5

-7

-10

-13

-16

-19

-21

-24

-27

-30

10

-3

-6

-9

-12

-15

-18

-21

-24

-27

-30

-33

12

-5

-8

-11

-14

-17

-20

-23

-26

-29

-32

-35

14

-5

-9

-12

-15

-18

-21

-24

-27

-30

-33

-36

16

-6

-9

-12

-15

-19

-22

-25

-28

-31

-34

-37

L’influenza del vento sulla temperatura percepita è probabilmente inferiore rispetto a quella dell’umidità. Vale la pena tuttavia non trascurarlo, sia per gli effetti benefici che una brezza può avere in estate, sia per il disagio che potrebbe creare in inverno.

One Response to “Temperatura percepita”

  1. Carlo Lauletta ha detto:

    A me la nozione di temperatura percepita e le tabelle relative suscitano perplessità. Mi spiego con un esempio, che è più eloquente di elaborate disquisizioni. Orbene: nel primo dei due prospetti soprastanti, si dice che se il termometro segna 30 gradi e l’ igrometro
    60% allora la temperatura percepita è 34. Senonché sorge immediata la domanda: 34
    ma con quanta umidità? Non viene detto. Io, per dare un senso a numeri che di per sé non ne avrebbero, ipotizzo che si intenda 34 con l’umidità alla quale 34 restano 34, cioè
    il 30%. Forse è proprio cosí, ma climatologi e meteorologi dovrebbero precisarlo e non mi
    sembra lo facciano. Resta comunque la questione della ventosità, che si dovrebbe combinare con l’umidità. . . E se si fornissero i tre dati (T, UR, velocità del vento)staccati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

logo
logo
Powered and designed by Ilclima.org
css.php