logo

Effetto serra – I gas serra

Continuiamo  la serie di 4 articoli dedicato all’effetto serra ed al riscaldamento globale con questo secondo articolo riguardante i gas serra.

I quattro articoli sono:


Con il termine  gas serra si identificano comunemente quei gas presenti nel’atmosfera terrestre in grado di produrre l’effetto serra (si veda a tal proposito l’articolo riguardante l’effetto serra).

I principali gas serra presenti nel’atmosfera sono:

  • Vapore acqueo (H2O): è il principale gas serra presente nel’atmosfera ed il responsabile tra il 36% ed il 70 % dell’effetto serra; il vapore acqueo è in grado di assorbire le onde elettromagnetiche tra i 5.5 e di 7 micron e sopra i 25 micron.
  • Anidride carbonica (CO2): è il secondo gas serra più importante. Il suo contributo è stimato essere tra il 9 ed il 26%; assorbe onde elettromagnetiche tra 2 e 5 micron ed i 15 micron;
  • Ossidi di azoto (NOx): La loro presenza in atmosfera è estremamente limitata ma riescono, assieme al metano, ad assorbire le onde elettromagnetiche nella fascia tra i 7 ed i 13 micron.
  • Metano (CH4): La sua presenza in atmosfera è piuttosto limitata (solo 1,7 ppm). Nonostante questo incide nell’effetto serra con per una percentuale stimata tar il 4% ed il 9%. Risulta importante data la sua capacità di assorbire le onde elettromagnetiche nella fascia tra i 7 ed i 13 micron.
  • Ozono (O3): presente solo in 0,03 ppm e concentrato in una ben determinata fascia atmosferica nota come ozonosfera, ha un potere di assorbimento attorno ai 9.5 micron. Incide per una percentuale tra i 3 ed il 7%.

Da quanto detto risulta evidente che i gas serra lavorano assieme per consentire un assorbimento di quasi tutte le lunghezze d’onda dell’infrarosso, tipico del calore riflesso dalla superficie terrestre.

Come già accennato tra i gas serra il più importante è certamente il vapore acqueo. Le nuvole, ad esempio, sono una formidabile barriera contro la dispersione del calore riflesso dalla superficie terrestre. Questo è, ad esempio, uno dei motivi per i quali le gelate invernali sono più frequenti a cielo sereno. Sebbene la concentrazione di vapore acqueo risulti essere estremamente variabile e dipendente dalle condizioni atmosferiche, dalla stagione, dalla zona ecc, la sua quantità totale è costante ed il sistema delle precipitazioni e dell’evaporazione in qualche modo consente di mantenerla tale.

La stessa cosa non vale per gli altri gas serra ed in particolare per l’anidride carbonica. Una variazione della concentrazione di tali gas nel’atmosfera potrebbe portare ad un abbassamento globale della temperatura od ad un riscaldamento globale.


One Response to “Effetto serra – I gas serra”

  1. Luigi Cattini ha detto:

    queste considerazioni sono roluzionarie e vanno fatte conoscere ampiamente prima che ll’umanità pensi solo alla CO”,ignorando che se il problema antropico è la produzione di calore come sottoprodotto di tutte le enrgie prodotte e consumate sulla crostaterrestre,anche l’energia niucleare ne è responsabile.Questa conclusione stravolgerebbe,insieme alla coresposabilità della CO2 il principio dela carbon tax alla quale paesi come la Francia pensano di sottrsi all’80% peggiorando così la competività dell’industria italiana.Anche l’ENI sostiene questa tesi ed ha im uscoli per diffondere maggiormente questa linea sui as serra e la stupidità della carbon tax
    Luigi Cattini Chimico industriale ed imprenditore HighTec.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

logo
logo
Powered and designed by Ilclima.org
css.php